Google Shopping per promuovere il tuo E-commerce

Google Shopping per promuovere il tuo E-commerce

Grazie alle campagne Google Shopping, puoi mostrare agli acquirenti che stanno cercando quello che offri su Google, un’immagine specifica del prodotto con titolo, prezzo, nome del negozio ancora prima che l’eventuale click li porti sul tuo E-commerce.
Grazie alle informazioni già visibili in SERP, il vantaggio è sicuramente quello di attirare utenti davvero interessati e quindi, portare un traffico più qualificato sul tuo E-commerce con maggiori probabilità di migliorare i tassi di conversione.

Fare pubblicità sul motore di ricerca è l’attività di Web Marketing su cui si investe maggiormente negli ultimi anni per promuovere i prodotti del proprio E-commerce. Secondo l’ultima analisi di Casaleggio Associati ben il 19% di tutte le attività di marketing & advertising negli E-commerce si concentra in SEM (Search Engine Marketing).

 

Google shopping: SEM nell'e-commerce

Fonte: Casaleggio.it

 

Sono diverse le attività di promozione online che un E-commerce può decidere di attivare, ad esempio: Campagne Google Ads nella Rete di Ricerca, Campagne Facebook Ads, Campagne nella Rete Display e molte altre ancora. Ovviamente a seconda dell’obiettivo e del target di riferimento, si sceglierà una piattaforma piuttosto che un’altra e di conseguenza un determinato tipo di Campagna.

In questo articolo ci soffermeremo nello specifico sulle Campagne Google Shopping per gli E-commerce, che stanno acquisendo sempre più notorietà e vengono ben accolte dagli utenti, soprattutto durante la navigazione da mobile.

Google Shopping: cos’è e come funziona

Google Shopping è la piattaforma che permette di pubblicizzare i prodotti contenuti in un E-commerce su Google passando per due importanti piattaforme: Google Merchant Center e Google Ads.

I vantaggi di Google Shopping sono sicuramente numerosi:

  • comunicare in modo semplice al motore di ricerca informazioni costantemente aggiornate e monitorate sui nostri prodotti grazie al feed;
  • mostrare gli annunci per ricerche pertinenti grazie agli attributi contenuti nel feed che sostituiscono le parole chiave;
  • aumento del CTR e leads più qualificati poiché l’annuncio mostrerà all’utente le caratteristiche principali del prodotto fin dalla SERP: immagine, prezzo, brand, descrizione o informazioni sui costi di spedizione.

Fonte: Google

 

Ovviamente per quanto possa sembrare semplice creare una Campagna Google Shopping il procedimento più delicato è il corretto settaggio dell’account Google Merchant Center, nonché la creazione del feed dei prodotti.

Come iniziare a vendere su Google Shopping e cos’è il Google Merchant Center?

Per iniziare a vendere i prodotti del tuo E-commerce su Google Shopping è necessario prima di tutto registrare un account su Google Merchant Center.

Google Merchant Center è la piattaforma mediante la quale possiamo caricare tutti i dati relativi ai nostri negozi online e ai nostri prodotti al fine di attivare delle Campagne Shopping su Google con dati sempre aggiornati e disponibili per l’utente.

Gli step fondamentali da seguire sono 3:

  1. Configurare correttamente il tuo account Google Merchant Center;
  2. Creare e caricare i tuoi prodotti tramite feed secondo i termini previsti da Google (guida alla creazione del feed)
  3. Collegare l’account a quello di Google Ads e iniziare a pubblicare i tuoi annunci.

 
Tralasciando il procedimento tecnico completo di configurazione dell’account, mi piacerebbe soffermarmi su un paio di punti, per i quali a mio avviso è importante prestare maggiore attenzione: le spese di spedizione e la diagnostica del feed.

Spese di spedizione in Google Merchant Center

Un aspetto importante da non sottovalutare è la corretta implementazione delle spese di spedizione a livello di account.

Infatti è possibile definire questo attributo sia a livello di account per tutti i prodotti o gruppi di prodotti, oppure inserirlo direttamente nel feed. Il consiglio però è di seguire le linee guida di Google andando a impostare i costi di spedizione nella sezione Spedizione e Resi delle impostazioni:

 

Ricordiamo comunque che i prezzi configurati utilizzando l’attributo shipping [spedizione] negli annunci Google Shopping andrebbero a sovrascrivere eventuali impostazioni a livello di account.

Diagnostica del feed di prodotto

Un altro aspetto da non sottovalutare è sicuramente la valutazione del feed da parte di questo strumento. Infatti una volta caricato questo verrà elaborato per definire se è stato creato correttamente o se sono presenti degli errori.

La prima volta che carichiamo il feed il nostro account sarà sottoposto a Revisione iniziale (fino a tre giorni di attesa). In seguito se vengono rilevati degli errori nella compilazione del feed, sarà necessario risolverli, per evitare la sospensione del proprio account.

 

E’ quindi molto importante che questa procedura venga effettuata con la massima attenzione.

Il feed di prodotti nel tuo E-commerce Magento

Su Magento, la piattaforma più completa e utilizzata a livello mondiale per la creazione di siti E-commerce, si può procedere alla creazione del feed mediante l’installazione di moduli appositi, come ad esempio Simple Google Shopping per Magento 2.

Google richiede che all’interno del file ci siano degli attributi obbligatori, senza i quali il feed non sarebbe approvato:

  • [id] : identificatore univoco di prodotto
  • [title] : nome del prodotto
  • [description] : descrizione del prodotto
  • [link]: pagina di destinazione (URL)
  • [link_immagine]: URL dell’immagine che identifica il prodotto
  • [availability]: la disponibilità, ad esempio in stock, out of stock
  • [price]: il prezzo del prodotto
  • 2 tra [brand] [gtin] o [mpn]

A seconda dell’attività di vendita online ci sono anche altri attributi che potrebbero rientrare in quelli obbligatori. Per ogni riferimento tecnico aggiuntivo ecco il link di riferimento della guida di Google.

Se non ci sono errori nella configurazione del feed e in quella relativa alle spedizioni i prodotti dovrebbero essere approvati e la tua avventura in Google Shopping dovrebbe iniziare.

Aggiornamenti 2019 su Google Shopping

Il 2019 è stato un anno importante per la piattaforma di advertising online di Big G! Riportiamo di seguito i più grandi aggiornamenti:

IL TRACCIAMENTO DEI PREZZI

Con il track price ora è possibile monitorare il prezzo di un articolo che ti interessa. Esatto! Basta attivarlo e una notifica sul tuo smartphone ti informerò del ribasso del prezzo. Non è fantastico?

price tracking google shopping 2019

Fonte: https://www.blog.google/

 

FILTRA I PRODOTTI NELLE VICINANZE

Un’altra importante novità è sicuramente quella di poter filtrare i prodotti nelle vicinanze. In questo modo Google ti viene incontro nella ricerca di un prodotto in tempi brevi o nel caso in cui tu voglia toccarlo o provarlo prima di decidere se acquistarlo o meno.

 

google shopping local

Fonte: https://www.blog.google/

 

GOOGLE LEANS & GOOGLE SHOPPING

Grazie alla tecnologia di Google Leans potrai fotografare un capo di abbigliamento che ti piace o estrarlo da un social network come ad esempio Instagram e proporlo a Google. A questo punto sarà Google Leans a proporti delle “idee di stile” che si avvicinano alla tua immagine.

google shopping e google leans

Fonte: https://lens.google.com/

 

Diciamocelo, al giorno d’oggi in cui il mobile sta avendo la meglio per la navigazione su internet e gli acquisti online, avere a disposizione una piattaforma come questa per poter sponsorizzare i prodotti del proprio sito E-commerce è sicuramente un grande vantaggio.

Siamo vicinissimi al Black Friday e al Natale 2019, se non hai ancora pensato alle azioni di Web Marketing per promuovere i tuoi prodotti su Google è proprio il momento di iniziare!

Webness Academy

Se ti interessa capire come funziona la pubblicità su Google scopri il nostro Corso Google Ads Professionale per iniziare a creare campagne performanti su Google Ads direttamente con il nostro consulente certificato. Contattaci per maggiori informazioni, ti aspettiamo!